Atipicità del contratto e tipicità dei Diritti Reali: il nodo della meritevolezza dell’interesse.

0
19

Autores: Andrea Coucourde. Dottorando di Ricerca in Diritti e Istituzioni. Università di Torino. andrea.coucourde@unito.it; Antonio Vercellone. Ricercatore in Diritto Privato. Università di Torino. antonio.vercellone@unito.it

Resumen: Il requisito della meritevolezza degli interessi è stato di recente riproposto dal legislatore quale filtro per l’ammissibilità dei vincoli di destinazione di cui al nuovo art. 2645-ter c.c.: in questa sede la meritevolezza non può che coincidere con il perseguimento di interessi superindividuali, dal momento che legittima vere e proprie operazioni di conformazione negoziale della proprietà privata. Prima di questa novella, il requisito della meritevolezza era contemplato dal solo art. 1322, comma secondo, c.c., ai fini del vaglio di ammissibilità dei contratti atipici. In questa sede è stato tradizionalmente interpretato come mera “non illiceità”. Il presente contributo si propone di riprendere il tradizionale dibattito dottrinale e giurisprudenziale su oggetto e contenuto del vaglio di meritevolezza per aggiornarlo in considerazione dei recenti sviluppi normativi: in particolare, si vuole tentare una ricostruzione sistematica unitaria della clausola della meritevolezza alla luce del principio ecologico, proponendo una reductio ad unum capace di tenere insieme le pur differenti declinazioni che tale clausola assume nella conformazione della proprietà (art. 2645-ter c.c.) e nel vaglio di ammissibilità dei contratti atipici (1322, secondo comma, c.c).

Palabras Clave: meritevolezza; contratti atipici; vincoli di destinazione; autonomia privata; principio ecologico

Abstract: The clause according to which the interest pursued by the parties needs to be worthy of protection by the legal system has recently been re-proposed by the legislator as a filter for the admissibility of the proprietary lien stipulated under the new art. 2645-ter of the Italian Civil Code. Here, the notion of “interest worthy of protection” necessarily implies a collective interest, since it allows the parties to shape property rights. Before the enactment of this disposition, this requirement was provided for only by art. 1322, second paragraph, of the Italian Civil Code, related to the admissibility of atypical contracts. Here, the clause has traditionally been interpreted as requiring the “lawfulness” of the contract.

This paper aims at resuming the traditional debate of both scholars and the case-law on the topic and to update it to its recent developments. In particular, it attempts at finding a unitary reconstruction of the clause, in the light of the ecological principle, without denying its different declinations within articles 1322, second paragraph, and 2645-ter of the Italian Civil Code, given the very different scope of the operations governed by these two articles (admissibility of atypical contracts and conformation of property rights).

Key Words: interest worthy of protection; atypical contracts; conformation of property; parties’ autonomy; ecological principle

Sumario:
I. Introduzione.
II. La meritevolezza dell’interesse nei vincoli di destinazione ex art. 2645-ter C.C.
III. Il vaglio di meritevolezza dei contratti ex art. 1322, secondo comma, C.C.
IV. Conclusioni.

Referencia: Actualidad Jurídica Iberoamericana Nº 16, febrero 2022, ISSN: 2386-4567, pp. 204-227.

print

Dejar respuesta

Please enter your comment!
Please enter your name here